CATARATTA

cataratta

La cataratta è una evoluzione dell’invecchiamento del cristallino naturale che diventa più opaco.

Il cristallino funziona come la lente di un obiettivo fotografico che mette a fuoco le immagini sulla retina.

Esistono vari tipi di cataratte: senile distinguibile in sottocapsulare, nucleare e corticale; e determinate da patologie sistemiche.

I primi sintomi sono un’accentuazione dei processi fisiologici di invecchiamento a carico del cristallino che porta ad una riduzione dell’acuità visiva da lontano ed a volte anche da vicino. Ed il fastidio della luce prodotta dai fari delle automobili o dalla luce solare.

La cataratta senile indica una forma di opacizzazione del cristallino legata all'età avanzata.

Quando si manifesta in un soggetto sano tra i 40 ed i 60 anni, si parla di cataratta presenile per indicare una forma di opacizzazione del cristallino che anticipa la cataratta.

 

Esistono anche forme di cataratte congenite, ovvero la malattia può comparire fin dalla nascita o nei mesi successivi. Le cause possono essere molteplici:

  • carenze alimentari, diabete, ipotiroidismo
  • Assunzione di farmaci durante la gravidanza
  • Cause sconosciute
  • Alterazioni metaboliche del feto
  • Ereditarietà
  • Infezioni contratte durante la gravidanza quali, la rosolia, l’Herpes sistemico, la toxoplasmosi, la parotite, la varicella, l’infezione da Rubella o da Epstein-Barr virus oppure da Citomegalovirus
  • Parto pre-termine
  • Sindrome di Marfan

 

La cataratta determinata da patologie sistemiche:

 

DIABETE

Il diabete mellito è responsabile non solo della cataratta, ma anche delle modificazioni dell’indice refrattivo del cristallino, nonché dell’ampiezza dell’accomodazione. In questo caso la cataratta si distingue per la presenza nel cristallino di opacità corticali a fiocchi di neve: questa forma può scomparire in modo spontaneo o maturare. Nei soggetti anziani si può manifestare più precocemente

 

DISTROFIA MIOTONICA

Circa il 90% dei pazienti affetti da questa patologia sviluppa, durante la terza decade di vita con un inizio delle opacità che evolvono in una cataratta sottocapsulare posteriore. Occasionalmente la cataratta può precedere la manifestazione della miotonia.

 

DERMATITE ATOPICA

Circa il 10% dei pazienti affetti da questa patologia sviluppa la cataratta tra la seconda e la quarta decade di vita. Le opacità sono spesso bilaterali e hanno la tendenza a maturare velocemente.

 

NEUROFIBROMATOSI TIPO 2

Questa patologia è associata a opacità corticali e sottocapsulari posteriori.

DISTROFIA MIOTONICA

UVEITE CRONICA ANTERIORE.

Questa è la causa più frequente di cataratta secondaria.

Tutto dipende dalla durata dell’infiammazione. Un ruolo importante è svolto dall’utilizzo di steroidi sia locale che sistemico.

 

Tra le altre cause di cataratta ricordiamo:

  • glaucoma acuto ad angolo chiuso
  • distrofie retiniche ereditarie.
UVEITE CRONICA ANTERIORE
intervento chirurgico all'occhio

Intervento chirurgico

 

Per l’intervento non occorre il ricovero, basta la disponibilità di qualche ora. L’occhio viene trattato con un anestetico locale.

Viene praticata una minuscola incisione sulla cornea per inserire un piccolo strumento che frantuma e asporta il cristallino. Viene quindi inserita e posizionata definitivamente la lente intraoculare attraverso la stessa incisione.

Il paziente è in grado di riprendere le proprie attività dal giorno successivo all’intervento.

 

Oggi viene affiancato alla classica tecnologia del Facoemulsificatore ad ultrasuoni, il nuovissimo Femtolaser. Il Femtolaser consente di eseguire alcuni tempi chirurgici dell’intervento: incisioni senza lama di assoluta precisione, e la Capsuloressi (l’apertura circolare del cristallino).

 

Il Femtolaser quindi si rivela molto indicato per l’impianto dei cosiddetti cristallini Premium, che consentono al paziente di eliminare anche tutti i difetti di vista di cui soffriva in passato: miopia, astigmatismo, ipermetropia ed anche la fastidiosa Presbiopia.

Share by: